Caspar David Friedrich

time does not rest

“Caspar David Friedrich (September 5, 1774 – May 7, 1840) was a 19th-century German Romantic landscape painter, generally considered the most important German artist of his generation. He is best known for his mid-period allegorical landscapes which typically feature contemplative figures silhouetted against night skies, morning mists, barren trees or Gothic ruins. His primary interest as an artist was the contemplation of nature, and his often symbolic and anti-classical work seeks to convey a subjective, emotional response to the natural world. Friedrich’s paintings characteristically set a human presence in diminished perspective amid expansive landscapes, reducing the figures to a scale that, according to the art historian Christopher John Murray, directs “the viewer’s gaze towards their metaphysical dimension” [from Wikipedia]

Like implied in the quote above many of Friedrich’s works have a very melancholic, if not sinister atmosphere. No wonder that a lot of his paintings have been used…

View original post 602 altre parole

Donna Selvaggia e Uomini Vermi.

Un disinvolto mondo di criminali

Dopo un mio  periodo di apatia e aridità, dovuti forse anche dalla stanchezza dei viaggi, uno squarcio di luce mi arriva da questo post: http://ilricciocornoschiattoso.wordpress.com/2014/10/18/sesso-e-vermi/    e dai commenti che seguono.. ora non so, se pubblicherò tutto quello che ho scritto, ma intanto questa è la prima parte.

Sullo stesso argomento segnalo anche: http://simonasforza.wordpress.com/2014/10/19/la-donna-e-una-bestia-ne-salda-ne-costante/

E i miei: http://bccida.wordpress.com/2014/03/11/la-natura-umana-tra-biologia-e-cultura/

http://bccida.wordpress.com/2014/06/19/lanima-e-di-cristo-il-corpo-del-marito/

e : http://bccida.wordpress.com/2014/05/01/invenzioni-e-inventori/

Sandro_Botticelli_ Sandro_Botticelli_

Per secoli e secoli la donna è stata più vicina al mondo animale che alla sua specie.. il maschio della specie umana, era l’unico razionale, che sapeva controllare i suoi istinti bestiali.. la donna no! Con questa giustificazione hanno tenuto la donna ai margini della società.. consegnata ad un padre o un marito/padrone, che poteva disporre di lei come meglio credeva. Come si bastona l’asino per farsi obbedire, il marito aveva il diritto di punire la moglie per educarla, fino alla morte o di ripudiarla se proprio…

View original post 1.359 altre parole

II domenica di Quaresima – anno A – 2017

la parola cresceva

(Giovanni Bellini, Trasfigurazione, 1478 part.)

Gen 12,1-4a; 2Tim 1,8b-10; Mt 17,1-9

Quaresima è tempo per pensare l’esperienza di credenti come un viaggio. La fede è cammino: uscita da sicurezze per vivere accogliendo una chiamata di Dio. Nelle domeniche di questo periodo sono delineati alcuni tratti di tale cammino: la tentazione, la bellezza e la passione, la ricerca e la sete, l’apertura alla luce, la scoperta della vita come dono, la via della croce. In questa domenica sono indicati i caratteri del viaggio e del legame tra via della croce e risurrezione: ‘sul monte Gesù manifestò la sua gloria e indicò agli apostoli che solo attraverso la passione si giunge alla risurrezione’.

Il cammino di Abramo è storia di fede suscitata dalla chiamata del Dio della promessa. ‘Va’, lascia…’: Abramo sulla base di questa parola abbandona una situazione conosciuta e si apre ad un futuro nascosto nelle mani di Dio…

View original post 1.561 altre parole

Inverno

Aithne

Quando la nebbia è impolverata di cielo e l’alba non sembra voler finir mai, quando la luce si sparge ovunque tranne che negli angoli più umidi e freddi, quando tutto sembra accartocciato dall’inverno e dal suo gelo, ecco un movimento furtivo, un gatto che corre dietro ad una gazza invano, un suono stridente di foglie spezzate come di specchi in frantumi, ecco i campi ed i prati bianchi e lividi che attendono un po’ di calore dal sole per sgranchirsi le ossa messe a nudo.
Non c’è nulla dell’inverno che possa sembrare poetico o dolce eppure sotto quella scorza di severa e dura insensibilità si cela tutto il calore del mondo. In montagna è facilmente rintracciabile, presso una roccia con infiltrazioni di terra, oppure in un anfratto nel bosco fitto. nella corteccia cava o su un ramo.
Tutto sembra immobile ed invece c’è una costante vibrazione vitale che emette la…

View original post 698 altre parole