Inverno

Aithne

Quando la nebbia è impolverata di cielo e l’alba non sembra voler finir mai, quando la luce si sparge ovunque tranne che negli angoli più umidi e freddi, quando tutto sembra accartocciato dall’inverno e dal suo gelo, ecco un movimento furtivo, un gatto che corre dietro ad una gazza invano, un suono stridente di foglie spezzate come di specchi in frantumi, ecco i campi ed i prati bianchi e lividi che attendono un po’ di calore dal sole per sgranchirsi le ossa messe a nudo.
Non c’è nulla dell’inverno che possa sembrare poetico o dolce eppure sotto quella scorza di severa e dura insensibilità si cela tutto il calore del mondo. In montagna è facilmente rintracciabile, presso una roccia con infiltrazioni di terra, oppure in un anfratto nel bosco fitto. nella corteccia cava o su un ramo.
Tutto sembra immobile ed invece c’è una costante vibrazione vitale che emette la…

View original post 698 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...